Accedi al sito
Serve aiuto?

lavori principali

 
  • Ristrutturazione casa a Cortina d’Ampezzo terminata nel 1995 (collaborazione). Uso esclusivo di materiali isolanti ecologici come fibre di cocco, fibre di cellulosa, sughero, (non sono state adoperate schiume espanse per il fissaggio dei serramenti).
  • Ristrutturazione casa nel centro storico di Brunico terminata nel 1997. Parte di solai in  legno massiccio recuperato da vecchie demolizioni, copertura del tipo a tetto freddo in legno con isolante naturale di notevole spessore.
  • Restauro castello in Alto Adige terminato nel 1997 (collaborazione). Per evitare grosse demolizioni di murature in sassi talvolta spesse anche due metri si è utilizzato un impianto di riscaldamento elettrico a pavimento. Attraverso l’utilizzo della corrente elettrica durante la notte si riscaldava il massetto di sottofondo, il quale cedeva poi durante il giorno il calore immagazzinato. Marcati
  • Ristrutturazione appartamento centro storico di Roma terminato nel 2000. Impianto di riscaldamento e di raffrescamento a basse temperature a parete e soffitto eseguito con tubi in PE posti sotto intonaco coadiuvato da impianto di deumidificazione, (in questo caso è stato eliminato completamente l’impianto di aria condizionata), uso di termo intonaci naturali esterni in facciata, uso di finestre con vetri heat mirror.
  • Restauro casa con rustico a Cortina d’Ampezzo terminata nel 2001. Mantenimento di tutti i materiali originali quali muri in sasso, rivestimenti lignei sia interni che esterni. Il progetto ha previsto il risanamento del sottosuolo di piano terra mediante la posa di igloo con  tubi di sfiato per l’eliminazione del radon, l’utilizzo di guaine ed isolanti naturali, mattoni alveolati o in terra cruda. Alcune murature perimetrali nella parte del rustico sono state realizzate con il sistema costruttivo detto a Fachwerk, struttura portante in legno e tamponamento in terra cruda. A tale sistema sono stati aggiunti degli isolanti in fibre di legno pressati. Gli impianti elettrici sono provvisti di disgiuntore mentre quelli idraulici per quasi l’intero edificio utilizzeranno il principio del riscaldamento a basse temperature. Ad integrazione dell’impianto termico sono state rimesse in funzione alcune vecchie stufe a legna. Per tale progetto sono intervenuti, per una migliore conoscenza dei luoghi, un architetto geobiologo esperto in bioarchitettura che ha eseguito un’indagine energetica  per l’individuazione dei campi energetici e tellurici ed ha tracciato una mappa  del fabbricato dove sono stati evidenziati i nodi di Hartmann e Curry, i Paleoalvei e tutte quelle situazioni utili per una buona predisposizione delle stanze. In base a tale ricerca sono poi state orientate le varie camere ed in particolare la posizione dei letti. Sono inoltre state svolte delle indagini sul sito per quantificare l’effettiva emissione di radon.
  • Ristrutturazione casa a Cortina d’Ampezzo terminata nel 2004. Costruzione degli anni ’50 con basamento in pietra calcarea e struttura fuori terra interamente in legno. L’intervento di ristrutturazione ha mantenuto la struttura originale introducendo all’interno fra le travature di legno dell’isolamento in fibra di legno pressato sia nelle pareti che nei solai. L’impianto termico a bassa temperatura è stato posto a parete mediante l’utilizzo di pannelli in fibra di gesso comprensivi delle tubature.
  • Nuova edificazione casa a Cortina d’Ampezzo terminata nel 2005. Piccolo edificio realizzato completamente in legno con il sistema con pareti portanti a pannelli x-lam, isolamento da cm. 12 sia sulle pareti che sulla copertura, serramenti con vetro a basso emissivo, impianto di riscaldamento con pannelli a parete e pavimento a bassa temperatura.
  • Ristrutturazione casa a Cortina d’Ampezzo terminata nel 2008. Ristrutturazione di parte di un vecchio rustico attraverso la demolizione delle pareti non portanti e recupero di tutta l’ossatura principale. Inserimento dall’alto della copertura delle pareti portanti già provviste di isolamento, barriera al vento e tavolato esterno e dei solai in legno multistrato ha permesso il mantenimento di buona parte dell’involucro portante. Edificio pubblicato da Utet nella collana Manuali tecnici “architettura sostenibile” e nel nr. 77 del 2012 della rivista Bioarchitettura.
  • Demolizione e ricostruzione casa a Cortina d’Ampezzo terminata nel 2009. Costruzione fabbricato con struttura portante in mattoni alveolari e cappotto in fibra di legno. Nella fase di progettazione esecutiva (2006) è stato verificato con il programma Casa Clima e l’edificio rientrava nella classe B.
  • Demolizione e ricostruzione casa a Cortina d’Ampezzo. Edificio con tre appartamenti, due a piano terra, realizzati con struttura portante in mattoni alveolati e cappotto in fibra di legno da cm. 12 e uno a piano primo completamente in legno. Per quest’ultimo appartamento è stata chiesta la Certificazione Casa Clima. Malgrado le caratteristiche tecnologiche dei materiali, i forti spessori di isolamento, i serramenti con triplo vetro, l’eliminazione di tutti i ponti termici, l’uso del solare termico, il rapporto s/v e la presenza di un soppalco all’interno dell’appartamento che di fatto va a sballare i valori di calcolo a sfavore non ha permesso di prendere la classe B come poteva essere agevolmente ottenuta risultando così la prima casa certificata a Cortina.
  • Demolizione e ricostruzione casa a Cortina d’Ampezzo terminata nel 2010. Costruzione fabbricato parte con struttura portante in mattoni alveolari e cappotto in fibra di legno e parte completamente il legno. Rivestimenti esterni in legno dipinto riprendenti le forme e i colori antichi, recupero degli antichi avvolti di piano seminterrato. Edificio pubblicato nel nr. 73-72 del 2011 della rivista Bioarchitettura.
  • Ristrutturazione casa a Cortina d’Ampezzo terminata nel 2014. Ristrutturazione di parte di un vecchio rustico attraverso la demolizione del fienile e della stalla e recupero della parte in sasso della parte abitativa. Tutta la porzione del fienile è stata ricostruita in legno compensato sia per le pareti verticali che per i solai senza l’uso di colla. Per il rivestimento esterno sono stati adoperati materiali recuperati durante la demolizione.
  • Ristrutturazione casa a Cortina d’Ampezzo terminata nel 2015. Ristrutturazione di parte di un vecchio rustico attraverso la demolizione del fienile e la ricostruzione con elementi in legno compensato. Rifacimento del solaio interno completamente in legno, utilizzo di impianti di riscaldamento a pavimento e domotici per la parte elettrica. Prima casa certificata CasaClima R a Cortina d’Ampezzo.